Posted on Category:Latte per neonati

Alimentazione del neonato da 0 a 3 anni: riparare correttamente il biberon

Alimentazione del neonato

Sto cercando di trovare un modo per far mangiare di più il mio bambino, ma non ci riesco. Non sono sicura di riuscire a farlo. È bene assicurarsi che il latte del bambino sia sicuro e che sia sicuro:

  • se è a temperatura ambiente, la bottiglia può essere conservata per un’ora. Dopo questo periodo, il latte deve essere scartato;
  • Se il biberon viene riscaldato, deve essere consumato entro mezz’ora, perché i germi si sviluppano ancora più rapidamente. Le bottiglie di latte liquido pronte all’uso non possono essere conservate dopo il riscaldamento.

In casi eccezionali, è possibile preparare una bottiglia in anticipo e conservarla in frigorifero a una temperatura massima di 4°C. Per mantenerla a questa temperatura, collocare la bottiglia nella parte più fredda del frigorifero, non nello sportello.

In tutti i casi, non conservare mai una bottiglia aperta per la somministrazione successiva, anche in frigorifero.

Inoltre, se dovete portare con voi una bottiglia per un breve viaggio, portate l’acqua nella bottiglia e la polvere in un altro contenitore. In questo modo, non ci sono problemi di conservazione: si può ricostituire il latte appena prima della somministrazione.

Posted on Category:Latte per neonati

Buone pratiche sanitarie: preparare il biberon del neonato in modo corretto

biberon del neonato

Sono in ospedale da più di un anno e non sono mai stata in un ospedale prima d’ora. È bene accertarsi che il latte del bambino sia sicuro da bere:

  • se è a temperatura ambiente, la bottiglia può essere conservata per un’ora. Dopo questo periodo, il latte deve essere scartato;
  • Se il biberon viene riscaldato, deve essere consumato entro mezz’ora, perché i germi si sviluppano ancora più rapidamente. Le bottiglie di latte liquido pronte all’uso non possono essere conservate dopo il riscaldamento.

In casi eccezionali, è possibile preparare una bottiglia in anticipo e conservarla in frigorifero a una temperatura massima di 4°C. Per mantenerla a questa temperatura, collocare la bottiglia nella parte più fredda del frigorifero, non nello sportello.

In tutti i casi, non conservare mai una bottiglia aperta per la somministrazione successiva, anche in frigorifero.

Inoltre, se dovete portare con voi una bottiglia per un breve viaggio, portate l’acqua nella bottiglia e la polvere in un altro contenitore. In questo modo, non ci sono problemi di conservazione: si può ricostituire il latte appena prima della somministrazione.

Posted on Category:Latte per neonati

Alimentazione del neonato da 0 a 3 anni: i primi mesi del bambino, solo latte

Alimentazione del neonato

Il metodo più appropriato di alimentazione del bambino è l’allattamento al seno fino all’età di 6 mesi. È bene che i bisogni del bambino siano soddisfatti dall’allattamento al seno fino ai 6 mesi di vita.

La composizione del latte materno varia a seconda del momento della poppata e nel tempo, a seconda dell’età del bambino.

Durante l’allattamento, non bere bevande alcoliche perché l’alcol passa nel latte ed è dannoso per il bambino. Fate attenzione ai farmaci che assumete, anche se siete automuniti. Molti sono controindicati.

La frequenza e la durata delle poppate variano in base alle esigenze del bambino. All’inizio, alimentate a richiesta, poi distanziate gradualmente le poppate.

L’allattamento al seno copre da solo tutti i fabbisogni del neonato fino a 6 mesi di età, ad eccezione della vitamina D e K. L’aggiunta di vitamina D e vitamina K (soluzioni da bere) è quindi necessaria per il bambino allattato al seno. Il medico o il pediatra vi spiegherà quando e come somministrare queste vitamine.

L’allattamento al seno può essere esclusivo o misto, cioè integrato dal biberon.

Allattamento al seno o no? Non esitate a porre domande al vostro medico o pediatra durante la visita di controllo del vostro bambino.

Questi articoli di Mpedia vi aiuteranno a saperne di più sul modo giusto di allattare:

L’allattamento al seno in cifre

Nel 2016:

  • Il 52% dei neonati viene allattato esclusivamente al seno nel reparto maternità (rispetto al 60% del 2010),
  • Il 68% allatta esclusivamente o in modo misto durante la maternità.

I benefici dell’allattamento al seno per il bambino

Oltre alla relazione madre-neonato, l’allattamento al seno fornisce al bambino tutto ciò di cui ha bisogno per svilupparsi.

Anche se l’allattamento al seno dura solo poche settimane, è benefico per il bambino. Questo perché il latte materno è facilmente digeribile e viene assorbito rapidamente. Il latte materno è ricco di anticorpi, vitamine, minerali, oligoelementi, zuccheri, grassi, proteine… Tutto ciò di cui il bambino ha bisogno per iniziare bene la vita.

Se l’allattamento al seno dura almeno 3 mesi, protegge il bambino dalle infezioni otorinolaringoiatriche (otiti), digestive (gastroenteriti) e respiratorie (bronchioliti).

Se l’allattamento al seno esclusivo viene prolungato per almeno 4 mesi nei neonati a rischio di allergia (padre, madre, fratello o sorella allergici), riduce questo rischio allergico e l’insorgenza di malattie correlate alle allergie: eczema atopico nei neonati, asma nei neonati. Inoltre, previene il rischio di obesità durante l’infanzia e l’adolescenza.

I benefici dell’allattamento al seno per la madre

L’allattamento al seno è vantaggioso anche per la madre perché :

  • consente una perdita di peso più rapida nei primi 6 mesi dopo il parto,
  • riduce il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2 in seguito,
  • riduce il rischio a lungo termine di cancro al seno o alle ovaie prima della menopausa,
  • si pensa che abbia anche un ruolo nella prevenzione dell’osteoporosi dopo la menopausa.

Allattare il proprio bambino: quali difficoltà?

L’allattamento al seno viene avviato durante la degenza nel reparto di maternità e proseguito a casa. Potreste incontrare alcune difficoltà.

Latte insufficiente

Di solito ciò è dovuto a poppate inefficaci o insufficienti che riducono la produzione di latte. Mettete il bambino al seno più spesso e stimolatelo.

Dolore e screpolatura del capezzolo

Sono causati da un attrito anomalo tra il capezzolo e la bocca del bambino. Per evitarli, imparate a posizionare correttamente il bambino durante la poppata.

Ingorgo mammario

L’ingorgo mammario è una tensione dolorosa dei seni dovuta a una grande quantità di latte. Per avere un po’ di sollievo, imparate a spremere il seno o a usare un tiralatte per ridurre l’ingorgo, quindi allattate il bambino.

Il del seno

Questa infiammazione del seno (arrossamento, calore e dolore in una parte del seno) può trasformarsi in un’infezione. Chiedete consiglio al vostro medico o all’ostetrica.